lunedì 17 maggio 2010

Ganna S bis 1960

Eravamo partiti da QUI, quasi un anno fà.
Con rammarico dovetti vendere questa Ganna S bis del 1960, se l'accaparrò l'amico Carlo. Mi piace mercanteggiare con lui, perchè sò che le bici finiscono in buone mani, mani amorevoli e cure meticolose, che spesso si avvicendano in semestrali restauri, ma che alla fine restituiscono biciclette pedalabili tutti i giorni, il fine ultimo di ogni bici in possesso da Carlo: l'utilizzo quotidiano.
Poche parole, ma precise, direttamente da Carlo per raccontarci il restauro conservativo eseguito su questa Ganna:
"Un restauro conservativo, cercando di mantenere ogni accessorio coevo con il periodo della bici. Non eccessivamente datato, 1960, questo modello S-bis, però gode di una particolare attenzione nei particolari, freneria raffinata e molto elaborata nella forma e nella linea, mozzi e pedivelle marcate, perno centrale marcato, parafanghi larghi con bordo centrale rialzato e cromato, carter con codino e padellino con cromature centrali. Insomma, una bella figliola di 50 anni !
La bici è stata completamente smontata, pulita, ingrassata, lubrificata e ri-montata. La fanaleria originale l'ho pulita bene e l'ho conservata a parte erano una dinamo Superlux ed un fanale Dansi al loro posto ho montato una bella coppia conservata FAOS (prod. Radius), ho montato un paramanubrio coevo con l'epoca, fanale posteriore Sebac AstorII a graffetta. La sella l'ho sostituita con una nuova C.B.F. color cognac, molto simile ad una sellotta di quegli anni. Una registrata a puntino di tutta la parte meccanica e... via che pedialiamo.... sarà presto la mia bici da tutti i giorni. Un particolare grazie a Paolo per averla salvata da una possibile discarica."
...Un grazie a te, Carlo, per l'ennesimo ottimo lavoro !

P.S: la decal sul tubo-piantone andrebbe posta in posizione più centrale, ma Carlo ci fà notare come stranamente era presente l'alone della decal originale, insolitamente posta in quella strana posizione.


4 commenti:

davide ha detto...

Ciao,ho comprato una bici che mi pare identica al modello della foto. La bici è stata restaurata così son scomparse le scritte con l'indicazione della casa produttrice. Ho notato però che sul manubrio è siglata in bassorilievo VARESE e sullo steeso manubrio, sul perno centrale c'è la G. Ho pesnato così che fosse una Ganna. E'possibile sapere se anche nel modello della foto si possono ritrovare questi due elementi. Scusate la mia ignoranza in materia ma mi sto avvicinando da poco tempo alle bici storiche. Grazie.Aspetto fiducioso notizie.
Davide

P.De Sade ha detto...

Davide ti ho risposto sulla mail...

Anonimo ha detto...

ciao, innanzitutto complimenti per l'impegno e i risultati del vostro lavoro in questo sito.
Scrivo perchè non riesco a trovare cataloghi sulle Ganna da corsa anni 40. Sapete dove indirizzarmi? grazie, Dario
mail: dariotoffoloni@virgilio.it

mario ha detto...

Volevo sapere quanto puo valere questa bici inquanto c'è ne ho una ha casa dello stesso modello