lunedì 26 agosto 2013

Peugeot Luxe 1903-4

Non sono particolarmente amante delle bici estere, troppo spesso dallo stile elaborato e sovraccarico di inutili orpelli... ma le Peugeot, assieme ad una manciata di altre marche francesi, mi sono sempre piaciute, perchè uniscono la sobrietà della linea tipicamente italiana con solo piccoli accenni di stile, ma che fà tanto esotico ed inusuale senza scadere nel barocco.
Di questa Peugeot del primo 900 me ne sono innamorato quasi subito, devo ammetterlo, stregato in particolar modo dalla maestosa guarnitura dal grande diametro e soprattutto priva di chiavelle, ma fissata al movimento centrale tramite un furbo sistema che prevede l'asse del movimento solidale alla pedivella destra e sui cui va fissata la pedivella sinistra una volta montato il movimento.
Il freno a tampone corre all'interno del tubo di serzo e il pattino esce da sotto la testa della forcella, rendendo la linea pulita ed elegante, per lo stesso criterio è stato eliminato il bullone stringisella sostituito da un collarino che stringe il canotto sella.
Ovvimente il pignone posteriore è di tipo fisso ed è a passo Humber così come la catena e la corona.
La bicicletta è già stata restaurata conservativamente anni fà (al tempo hanno anche sostituito la leva di comando del freno, probabilmente rotta o mancante, con una replica che francamente stona un pochino...) ad essere sincero fino ad ora me la sono goduta  senza toccare nulla... appena potrò, tempo permettendo, la bici verrà smontata, pulita e registrata a dovere. 
 Inoltre devo ammetterlo, ho davvero poca confidenza con le bici straniere, per cui sono certo che  smontandone i componenti interni scoprirò molte tecnologie e sistemi interessanti.. che senz'altro documenterò per arrichire questo post.



















Nessun commento: